Referendum contro la legge federale sui servizi di identificazione elettronica (LSIE)

Non vogliamo un passaporto digitale svizzero rilasciato da società private

Il Consiglio federale e il Parlamento vogliono un cambiamento nel sistema storico: in futuro le società private devono rilasciare il passaporto digitale svizzero (e-ID) e gestire dati privati ​​sensibili. L'ufficio passaporti statali sarà sostituito da importanti banche, compagnie assicurative e compagnie statali.

L'identificazione elettronica è una delle decisioni più importanti della politica democratica: è l'identità ufficiale dei cittadini svizzeri. Contratti, transazioni finanziarie, informazioni sanitarie e servizi amministrativi, come dichiarazioni dei redditi o decisioni politiche, verranno ora elaborati digitalmente tramite un ID elettronico.

Un sondaggio rappresentativo mostra che l'87% della popolazione desidera un passaporto digitale dallo stato. Invece di prendere in considerazione la volontà del popolo, con la privatizzazione dell'identificazione elettronica, il governo federale e il parlamento si stanno disimpegnando da un compito centrale dello stato. Stiamo conducendo un referendum contro questa decisione! Grazie per il vostro supporto.

Webauftritt gestaltet mit YAML (CSS Framework), Contao 3.5.27 (Content Management System) und PHPList (Newsletter Engine)

Copyright © 2006-2021 by grundrechte.ch